BioPhotoFestival, natura e fotografia in Friuli

/BioPhotoFestival, natura e fotografia in Friuli

BioPhotoFestival, natura e fotografia in Friuli

La fotografia può essere una porta d’accesso alla natura intima di ciò che si va a fotografare. Fotografia in greco significa scrivere con la luce. Mi è sempre piaciuta questa definizione perché è come se volesse dire che si possono tratteggiare nuovi mondi, realtà che si possono illuminare e creare grazie alla luce. Di una teoria così poetica ma quasi astratta te ne accorgi quando sei davanti a chi fotografa davvero, a chi non si limita a delle belle foto sui social media, a chi si apposta giorni, a chi si sofferma su un soggetto per ore, a chi lo cerca viaggiando per lo spazio, e per il tempo. Il BioPhotoFestival, a due passi da casa, mi ha dato l’occasione per incontrare la fotografia naturalistica, nulla di tecnico, più che altro un amore per la natura che esiste, in innumerevoli forme, colori e possibilità.

BioPhotoFestival, non solo per addetti ai lavori

Quando hai qualcosa vicino a casa, tendi a trascurarlo. Deve essere come se perdesse valore, come se i luoghi della provincia togliessero fascino alle cose, un tocco magico al contrario. Che peccato, trascurare la bellezza, l’impegno e anche il sacrificio solo perché avviene nei piccoli paesi, magari quelli della Pedemontana del Friuli, invece che nelle grandi città d’arte e spettacolo!

BioPhotoFestival, Vittorio Ricci

Quest’anno ho deciso di trascurare invece la pigrizia e di incontrare questa manifestazione internazionale dedicata alla fotografia naturalistica, che si svolge a Budoia, a pochi chilometri da Pordenone, dal 2014. Per qualche giorno le vie del borgo si riempiono di voci straniere, di curiosi e di professionisti che mi sembra così poco dire “fotografano”. Questo l’ho capito sedendomi e lasciandomi stupire dalle proiezioni di fotografie e di video.

Io così poco incline a stare seduto agli eventi, ad ascoltare persone che parlano, magari dopo una settimana impegnativa, mi sono sorpreso davanti al tendone del BioPhotoFestival che si illuminava di storie di parti del mondo lontane, eppure tutte accomunate da spazi di silenzio, di purezza e potenza delle forze naturali.

In due giorni sono stato nelle Canarie vulcaniche, tra i prati della Francia al mattino, negli anfratti della vita dove si nascondono piccoli predatori, nell’ultima steppa d’Asia che si trova a pochi chilometri da casa, nei Magredi. Ho anche scoperto storie non solo di abili fotografi ma di naturalisti e scienziati, di natura selvaggia da proteggere, sconosciuta ai più, come quella dei rapaci siciliani a rischio di estinzione.

BioPhotoFestival, storie di natura

La fotografia naturalistica può diventare occasione di scoperta, di stupore e di incontro. Non è solo tecnica ma una dichiarazione di amore per quella natura che il fotografo impara a conoscere intimamente.

Sabato credevo solo di passare velocemente per un saluto a Mattia Dori, un fotografo del Trentino tra i finalisti del concorso internazionale legato al festival e scelto poi come secondo. Mi sono invece fermato fino a sera, attratto e colpito dalle storie e dalle immagini che mi portavano oltre il Friuli ma che in fondo stimolavano la voglia di guardare con occhio diverso alle sue bellezze per me ancora nascoste.

BioPhotoFestival, Bruno D'Amicis, Forest beat, faggete

Sono rimasto affascinato dai racconti di Bruno D’Amicis sulle faggete più vetuste d’Europa, delle sue esplorazioni di tre anni nell’Italia Centrale in cerca di alberi che raggiungono più di 500 anni di vita, quando si pensa che al massimo possano viverne fino a 300. Ho seguito i voli di uccelli e di rapaci sopra queste foreste a cui si accede solo con permessi speciali, tratti di natura selvaggia nel continente più trasformato dall’essere umano. Ho visto i passaggi di lupi, cinghiali, cervi e anche orsi in parte ai tronchi di questi alberi, i faggi che segnano anche i miei percorsi tra le Dolomiti Friulane. Ho fatto un piccolo viaggio, grazie alle parole attente di un fotografo amatoriale ed un appassionato naturalista. Il “battito della foresta” è il suo progetto che ti consiglio di conoscere.

BioPhotoFestival, Bruno D'Amicis, Forest beat, faggete, Faggete vetuste

Sono rimasto ancora al BioPhotoFestival, seduto in cerca di altre ispirazioni, questa volta più a nord, tra monti e valli che mi attirano sempre, in Sud Tirolo. Qui le storie e le immagini si sono fatte silenziose, tenui, diafane, quasi fili di rugiada sospesi nei prati d’estate. La fotografia di Hugo Wassermann è stata un’altra scoperta, arte e natura, che non riguarda solo chi s’intende di fotografia, chi conosce le aperture dei diaframmi, la sensibilità dei sensori e altri aspetti tecnici che io ignoro ogni volta che cercano di spiegarmeli. La bellezza è tale perché dal cuore delle cose arriva al cuore delle persone, senza bisogno di logiche razionali a riempire la mente di parole e concetti.

BioPhotoFestival, Hugo Wassermann

Mantide religiosa, di Hugo Wassermann

Storie e fotografie sono state altre, molte nel corso dei quattro giorni di festival, anche interventi di tecnici, ma soprattutto occasioni di conoscere altri mondi, altre passioni e di rimanere stupiti di quello che può fare l’essere umano, quando si impegna per la bellezza, per proteggere e per condividere. Per me è questo il messaggio del BioPhotoFestival, un orizzonte aperto che si può aprire sempre di più, che mi auguro possa essere conosciuto da sempre più persone, da chi abita vicino, da chi ama la natura, da chi sente che la bellezza non è fine a se stessa ma può essere stimolo per rendere le vite un po’ più belle ed in definitiva migliori.

Immagine di copertina: seconda classificata al BioPhotoFestival, gentilmente concessa da Mattia Dori

By |2018-10-09T11:36:53+00:00ottobre 3rd, 2018|Ecologia|26 Comments

26 Comments

  1. cla 4 ottobre 2018 at 8:30 - Reply

    Mio marito è appassionato di fotografia naturalistica! Gli mando subito questo articolo, lo troverà molto interessanti

    • Luca Vivan 4 ottobre 2018 at 9:03 - Reply

      Ne sono contento Claudia. Al festival è legato un concorso internazionale, magari può interessare anche questo a tuo marito.

  2. Luca Silva 4 ottobre 2018 at 8:41 - Reply

    Non conoscevo questa iniziativa, la trovo davvero interessante per gli appassionati ma anche per i professionisti. Grazie

    • Luca Vivan 4 ottobre 2018 at 9:04 - Reply

      Io non sono né l’uno né l’altro ma gli spunti sono stati tanti, trasversali, anche per dei bambini.

  3. AnnaDi 4 ottobre 2018 at 9:28 - Reply

    Iniziativa che andrebbe replicata più e più volte. Per me la fotografia non è solo tecnica, ma è tanto tanto cuore, come in parte hai scritto tu. Prendere in mano una macchina fotografica è come aprire una finestra, perchè con lei ti prendi il tempo di spaziare, di guardare anche il filo d’erba in giardino e innamorarti di ciò che era sotto i tuoi occhi! Complimenti per le foto e il tema che hai trattato.

    • Luca Vivan 4 ottobre 2018 at 10:10 - Reply

      Grazie Anna. I complimenti vanno ai fotografi e alla caparbia organizzazione del Festival. Spero solo di aver dato una mano a rendere più visibile questo interessante progetto.

  4. inviaggiocolbisonte 4 ottobre 2018 at 11:11 - Reply

    Che bella iniziativa! Noi siamo completamente inabili dal lato fotografico, però domenica scorsa ci sarebbe piaciuto partecipare ad una specie di contest a Torino. Alla fine la voglia di andare a vedere un posto nuovo ha vinto e non abbiamo partecipato.

    • Luca Vivan 4 ottobre 2018 at 12:05 - Reply

      Anch’io non eccello sul lato fotografico ma il BioPhotoFestival è una bella avventura anche per i bambini. Quelli di una mia amica si sono innamorati della fotografia, tanto da continuare a chiederle una macchina, e non un telefonino!

  5. Sabrina 4 ottobre 2018 at 11:22 - Reply

    Non conoscevo questo festival della fotografia naturalistica. Capisco bene che ne sei rimasto affascinato deve essere una bellissima esperienza.

    • Luca Vivan 4 ottobre 2018 at 12:06 - Reply

      Sono rimasto affascinato dalle storie dei luoghi, dalla passione che trasmettono i fotografi, è un festival che può essere goduto anche da chi non s’intende per nulla di fotografia.

  6. I VIAGGI DI LIZ 4 ottobre 2018 at 11:33 - Reply

    La fotografia è lo specchio dell’anima. Penso questo. Ed eventi come questi servono proprio a far capire all osservatore che la fotografia non è solo tecnica…

    • Luca Vivan 4 ottobre 2018 at 12:06 - Reply

      Sono d’accordo con te, non è solo tecnica, anzi.

  7. Monica 4 ottobre 2018 at 11:53 - Reply

    Sono d’accordo con te: spesso si trascurano luoghi ed iniziative a due passi da casa e si perdono bellissime esperienze! Amo le fotografie naturalistiche e credo che dietro ad ogni scatto ci siano tantissimo lavoro e impegno. L’immagine di copertina è stupenda 🙂

    • Luca Vivan 4 ottobre 2018 at 12:07 - Reply

      Dovessi vedere le altre di foto esposte o quelle proiettate, dei capolavori!

  8. UnaBiondaPiccola 4 ottobre 2018 at 14:15 - Reply

    Adoro fotografare qualsiasi cosa catturi la mia attenzione, ma niente viene bene come la natura in uno scatto!

  9. sheila 4 ottobre 2018 at 14:32 - Reply

    un festival davvero particolare e suggestivo, che belle immagini io vivo sulla costa ma magari convinco il marito a farci un salto e viva il Friuli.. e nel mio caso Venezia Giulia 😉

    • Luca Vivan 5 ottobre 2018 at 8:38 - Reply

      Te lo consiglio Sheila. Poi, noi viaggiatori non siamo molto attenti ai confini, l’importante è che ci sia bellezza e condivisione

  10. Paolo salvetti 4 ottobre 2018 at 17:47 - Reply

    Bella iniziativa e soprattutto belle foto, sono sempre stato affascinato dalla fotografia naturalistica.

    • Luca Vivan 5 ottobre 2018 at 8:39 - Reply

      Le foto del festival sono veramente tutt’altra cosa rispetto a ciò che si vede normalmente in giro, magari su Instagram.

  11. GoMoro - Travel Vlogger 4 ottobre 2018 at 21:42 - Reply

    Sono un grande amante della natura e vedere queste foto e sapere di questo festival non può che rendermi felice!!
    Bellissimi questi scatti peccato solo che il Friuli, da me, è un pochino lontano…

    • Luca Vivan 5 ottobre 2018 at 8:40 - Reply

      Magari potresti passarci, approfittando di un viaggio lontano verso est

  12. Anna 5 ottobre 2018 at 8:45 - Reply

    Io sono appassionata di fotografia paesaggistica. Mi piacerebbe tanto imparare di più, avere la giusta attrezzatura. Condivido la citazione: fotografare è scrivere con la luce. Niente di più vero!

    • Luca Vivan 5 ottobre 2018 at 9:22 - Reply

      Anch’io da anni mi dico che vorrei imparare un po’ di tecnica, magari questa è la volta giusta, avvicinandomi a dei fotografi professionisti. Spero arrivi il giusto momento anche per te!

  13. Martina Bressan 5 ottobre 2018 at 11:47 - Reply

    Bellissime foto anzi, stupende! Non conoscevo questo festival e vedere queste bellissime foto mi ha fatto molto piacere. Mi piace molto stare in mezzo alla natura, mi piace anche fotografare anche se non sono così brava!

    • Luca Vivan 5 ottobre 2018 at 12:58 - Reply

      Grazie mille Martina e grazie ai fotografi che me le hanno concesse. L’importante è secondo me godere della Natura, il Bio Photo Festival vuole raccontare anche questo.

Leave A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Follow

Se vuoi, puoi ricevere ogni nuovo articolo via email: